IL VOCABOLARIO DELLE BANCHE

Quando parli con la tua banca, trovi difficoltà a comprendere alcune parole?

 

 

Ti sarà sicuramente capitato di parlare con il direttore della tua banca e di aver sentito pronunciare alcuni termini non del tutto chiari.

Di seguito, un breve elenco di termini più utilizzati con una sintetica spiegazione.

 

♦   MERITO CREDITIZIO o MERITO DI CREDITO

Consiste nella capacità di un cliente della banca di rimborsare un finanziamento. Prima di concludere un contratto di prestito la banca deve valutare in modo approfondito tale capacità del proprio cliente e per fare questo utilizza notizie sulla sua situazione economica complessiva anche attraverso sistemi informativi specializzati che forniscono dati.

 

♦   RATING

Consiste in un voto/giudizio in merito alla solvibilità cioè alla capacità di far fronte agli impegni finanziari ripagando i debiti assunti.

Tale giudizio misura in pratica il grado di affidabilità di un cliente e di conseguenza la rischiosità del credito: più questo rischio sarà alto maggiori saranno le difficoltà ad ottenere un prestito e maggiori saranno i prezzi praticati dalle banche.

 

♦   CENTRALE DEI RISCHI

È un sistema informativo che opera presso Bankitalia e raccoglie tutte le informazioni che le banche trasmettono sui debiti maggiori di 30mila euro dei propri clienti.

Sia le banche che i clienti possono gratuitamente richiedere a Bankitalia di conoscere tali dati sul debito complessivo.

 

♦   CREDITI AUTOLIQUIDANTI

Si tratta di quelle operazioni collegate ad una fonte di rimborso predeterminata, cioè di quei prestiti che danno l’immediata disponibilità di crediti verso terzi non ancora scaduti e che vengono quindi ceduti alla banca prima della loro scadenza.

Sono le operazioni di anticipo su fatture, anticipo ricevute bancarie, factoring, prefinanziamento di mutuo, ecc.

 

♦   CREDITI A SCADENZA

Sono quei finanziamenti che vengono rimborsati secondo scadenze prefissate contrattualmente: es. leasing, mutui, prestiti personali, aperture di credito a scadenza, ecc.

 

♦   CREDITI A REVOCA

Si tratta di quei finanziamenti che il cliente utilizza nei limiti stabiliti contrattualmente e per i quali la banca si riserva la facoltà di recedere senza che occorra una giusta causa. Esempio è l’apertura di credito in conto corrente concesso per elasticità di cassa. 

 

♦   SOFFERENZE

Sono quei finanziamenti a clienti che si trovano in una situazione di insolvenza, cioè di grave e non transitoria difficoltà economica da non essere più capaci di adempiere ai pagamenti. La classificazione di un finanziamento a sofferenza non è automatica (ad es. per mancato pagamento della rata), ma deriva esclusivamente da una valutazione che la banca effettua sulla complessiva situazione finanziaria del cliente. 

 

♦   FIDEJUSSIONE

È l’impegno a garantire personalmente al creditore il pagamento di un debito proprio o di un altro soggetto, la garanzia è personale nel senso che il creditore puè rivalersi sull’intero patrimonio del garante.

 

♦   INADEMPIMENTI PERSISTENTI

Si tratta di quei finanziamenti con rate scadute e non pagate da più di 90 giorni oppure affidamenti in cui il cliente ha utilizzato un importo superiore a quello concesso dalla banca per un periodo superiore a 90 giorni.


 

Per saperne di più

Alessandro Mazzarini di Spazio Soluzioni srl


 

 

Download

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità?